//

Ai Weiwei : “le proteste contro il COVID non scuoteranno il governo”

MONTEMOR-O-NOVO, Portogallo, 28 nov. – Reuters – Catarina Demony
Ai Weiwei afferma che è improbabile che le proteste continuino
La polizia userà la forza per mettere a tacere i manifestanti. Il movimento manca di organizzazione e leadership.

Dalla sua casa portoghese, Ai Weiwei, il dissidente cinese di alto profilo la cui arte ha spesso criticato le politiche di Pechino, ha detto che la recente ondata di proteste non scuoterà il governo di Xi Jinping perché il la polizia li farebbe semplicemente tacere.

I manifestanti sono scesi nelle strade di Shanghai, Pechino e altre città nei giorni scorsi per manifestare contro le misure e le restrizioni alla libertà del COVID-19, uno spettacolo di disobbedienza civile che non ha precedenti da quando il leader Xi ha assunto il potere.

A quasi tre anni dall’inizio della pandemia, la Cina afferma che le sue politiche non sono orientate a zero casi in ogni momento, ma mirano ad agire “dinamicamente” quando i casi emergono.

 

Catarina Demony e Ai Weiwei

Seduto nel suo giardino, Ai ha detto che è improbabile che le proteste continuino, non solo perché le forze di sicurezza avrebbero represso coloro che si erano espressi, ma anche perché i manifestanti stessi mancavano di organizzazione e leadership.

“Non c’è un programma politico chiaro, quindi è molto facile arrestarli e andare avanti”, ha detto lunedì a Reuters, aggiungendo che c’erano più “richieste” nel 1989, quando ci fu una sanguinosa repressione dei manifestanti pro-democrazia dentro e intorno a Piazza Tiananmen a Pechino. “Anche se succede qualcosa (sulla) scala di Hong Kong o sulla scala del 1989, (ancora) non scuoterà il governo”, ha aggiunto. Alla domanda su chi potrebbe guidare il movimento di protesta, Ai, che ha trascorso 81 giorni in detenzione in Cina nel 2011, ha risposto che nessuno potrebbe perché il Paese non ha un “ambiente politico”.

 

Sebbene Ai abbia affermato che le proteste non avrebbero probabilmente avuto un impatto sul governo, ha affermato che il Partito comunitario al potere in Cina era “molto preoccupato per le rivoluzioni” e avrebbe fatto “di tutto per impedire che ciò accadesse”, dalla censura di Internet all’uso delle forze di polizia.

Le proteste in Cina sono state innescate da un incendio nella regione dello Xinjiang la scorsa settimana che ha ucciso 10 persone intrappolate nei loro appartamenti. I manifestanti hanno affermato che le misure di blocco erano in parte da biasimare, anche se i funzionari lo hanno negato.

Le proteste si sono diffuse in varie città del mondo in segno di solidarietà. Lunedì sera, decine di manifestanti si sono radunati nel quartiere centrale degli affari di Hong Kong, teatro di manifestazioni antigovernative nel 2019.

 

Gli Stati Uniti e altre nazioni occidentali hanno sostenuto il diritto delle persone a protestare pacificamente in Cina, ma Ai ha puntato il dito contro di loro per aver dato la priorità alla propria agenda economica anziché ai diritti umani.

“Quando si ha a che fare con la Cina, penso che (per) ogni governo la priorità sia… guadagnare un po’ di influenza economica”, ha detto. “Non puoi biasimarli perché anche loro vogliono sopravvivere, ma così facendo perdono la credibilità di difendere il mondo libero o di difendere la democrazia.

“Peccato.”

The Barbarian

Mappatori e giardinieri dei giardini Urbani diffusi. Profilo del gUd | team

Latest from Appunti