I giardini di lana di Vanessa Barragão [video]

//

Vanessa è nata ad Albufeira, nel sud del Portogallo. Il suo studio è stato fondato nel 2014 quando ha frequentato un Master presso l’Università di Lisbona in design della moda e dei tessuti. Lì ha sviluppato la sua prima collezione di filati di lana e arazzi attraverso un processo artigianale ecologico. Attualmente vive a Porto, la regione settentrionale del Portogallo, dove si trova il cuore dell’industria tessile della nazione, e divide il suo tempo tra la collaborazione come designer tessile per una fabbrica di tappeti artigianali e la gestione del suo studio.

Le opere di Vanessa si concentrano sull’inquinamento dell’industria tessile e su come sta influenzando profondamente gli ambienti della barriera corallina. Crede in uno sforzo di upcycling e metodi di produzione consapevoli nel tentativo di combattere questa mentalità negativa e migliorare la salute della nostra Terra. Tutti i materiali utilizzati provengono dalle scorte di fabbrica di tappeti artigianali specifici di Beiriz, che vengono prima puliti e poi selezionati per essere riciclati e riutilizzati nei suoi progetti. La sua produzione cerca di essere il più eco-friendly possibile, utilizzando tecniche ancestrali e artigianali, come il gancio a scrocco, il ciuffo a mano, il ricamo, il feltro e l’uncinetto, per creare le sue opere.

Full Moon è un tappeto sensoriale con un obiettivo unico: far sentire le persone in armonia con il proprio universo e totalmente concentrate su se stesse.

Per l’artista, la superficie della Luna rappresenta un luogo tranquillo con la sua particolare assenza di suono e gravità e per trovare un ambiente simile sulla Terra, bisogna immergersi in profondità nell’oceano.

Le forme di questo tappeto sono ispirate alle diverse sfocature del campo gravitazionale lunare e alle barriere coralline del mare. La superficie del tappeto Full Moon è piena di tonnellate di texture che possono essere viste e percepite dalla diversa qualità dei materiali e nei dettagli di piccoli ricci all’uncinetto inseriti in diversi livelli scolpiti di ciuffo a mano.

video credits:

L’incontro con Vanessa Barragão è stato uno dei più azzeccati e fertili nella storia della nostra azienda. Vanessa ha infatti in comune con DHG la passione per l’arte tessile, lo sviluppo di un modello sostenibile e la spinta quotidiana a fare bene il proprio lavoro. Portrait of Vanessa Barragão: recycling in textile art as a global manifesto è un corto girato durante la residency di Vanessa in DHG. Un racconto intenso che rivela il sentimento artistico di Vanessa, l’attaccamento viscerale della nostra azienda per il tessile, la tradizione centenaria del distretto pratese nel rigenerare fibre tessili. Con questo video arricchiamo la collezione di racconti filmici che abbiamo realizzato negli anni. Ciascuno di essi è un piccolo pezzetto del nostro cuore e tutti simboleggiano il privilegio e la responsabilità che sentiamo di avere nel sostenere l’arte tessile nel mondo.

The Barbarian

Mappatori e giardinieri dei giardini Urbani diffusi. Profilo del gUd | team

Previous Story

Il Futuro delle città post-pandemia

Next Story

MASK Architects utilizza 'Exosteel' per creare case prefabbricate modulari in Italia

Latest from Artist Monitor

Massimo Sirelli

Il background Copertina per questa nuova stagione è dedicata all’artista Massimo Sirelli: Orgogliosamente Catanzarese spiega che