//

La pirimade di Hoxha a Tirana da Mausoleo a Centro Big Data

Su buelvardi Desmoret, poco dopo aver oltrepassato il torrente Lana, c’è una piramide...

Su buelvardi Desmoret, poco dopo aver oltrepassato il torrente Lana, c’è una piramide: era il museo Enver Hoxha edificato nel 1988 per iniziativa della figlia del dittatore come mausoleo celebrativo. Dentro, ai tempi del comunismo, c’erano una statua marmorea del leader e una collezione di doni che aveva ricevuto.

Con la caduta del regime è diventato prima un edificio pubblico, poi privato per finire abbandonato nelle mani dei ragazzini. Oggi, c’è un cantiere.

La piramide non è stata abbattuta ma sventrata per costruire la più grande scuola 2.0 dei Balcani. Grazie all’Albanian-American Development Foundation (Aadf) tra qualche mese (l’inaugurazione è prevista in primavera) anche a Tirana sorgerà un centro Tumo che che offrirà agli adolescenti di età compresa tra i 12 ei 18 anni l’accesso a competenze digitali in grado di dare loro un futuro occupazionale.

 

 

La firma del progetto è dello studio MVRD guidato da Wini Maas.
Come molti altri architetti dell’entourage di Erion Veliaj, il rapporto di Winy Maas con Tirana risale al periodo in cui Edi Rama era sindaco. Lo studio di architettura di Winy Maas, è stato in precedenza vincitore del Concorso Unaza Urban Complex nel 2005, che è attualmente in fase di completamento come Toptani Shopping Center vicino alla TID Tower. All’epoca, la giuria del concorso comprendeva Johan Anrys di 51N4E, un altro architetto legato a Rama. MVRDV è stato anche il vincitore del concorso Lakeside Masterplan del 2008, che ha proposto una serie di grattacieli vicino al lago artificiale di Tirana.

Note a margine
Il 4 agosto il Comune di Tirana ha aperto la  gara per la ricostruzione  della Piramide. Il progetto è di trasformarlo in un centro di formazione tecnologica per i giovani, come da progetto ideato da Wini Maas x MVRDV

Il valore dei lavori da appaltare è di circa 14 milioni di euro e le imprese interessate hanno avuto tempo fino al 2 settembre per presentare le offerte.
Questo termine è scaduto ma non ci sono ancora informazioni pubbliche su chi ha partecipato o vinto la gara. Open Data Albania ha pubblicato i criteri di qualificazione e valutazione delle offerte, elaborati dal Comune di Tirana. Un rapido esame mostra che i criteri di selezione sono ristretti e potrebbero essere interpretati come restrittivi della concorrenza a favore di determinate società.

Il Comune di Tirana chiede che le imprese concorrenti abbiano precedentemente eseguito lavori simili con un costo pari al 50 per cento del fondo per la costruzione della piramide, ovvero circa 7 milioni di euro, oppure abbiano eseguito negli ultimi tre anni lavori simili con un totale valore di 27 milioni di euro. Se i “progetti simili” dovessero essere interpretati come oggetti socio-culturali, allora un oggetto del valore di almeno 7 milioni di euro nell’ultimo anno, oppure alcuni oggetti per un valore complessivo di 27 milioni di euro negli ultimi 3 anni, le uniche aziende che potrebbero competere sarebbero quelli che hanno costruito lo Stadio Air Albania, il Parco Olimpico, ricostruito il Teatro dell’Opera e del Balletto e il Teatro d’Arte Turbina.

Non è chiaro il motivo per cui questo criterio è stato ritenuto necessario poiché molte imprese di costruzione esternalizzano il lavoro e pochissime hanno quel numero di personale a tempo pieno e permanente. Sulla base di questo criterio, è probabile che solo Albstar lo soddisfi e sembra improbabile che Agikons ed Eurocol siano in grado di farlo.

Sulla base di questi criteri, sembra probabile che Albstar vincerà la gara o una fusione di Albastar con un’altra o più società.

Leggi notizia su ilFattoQuotidiano

The Barbarian

Mappatori e giardinieri dei giardini Urbani diffusi. Profilo del gUd | team

Latest from Albania