Category archive

Svezia

Svezia: La Svezia è un paese scandinavo che comprende migliaia di isole lungo la costa e laghi nell'entroterra, oltre a vaste foreste boreali e rilievi glaciali. Le città principali, la capitale Stoccolma a est e Göteborg e Malmö a sud-ovest, sono tutte costiere. Stoccolma è costruita su 14 isole e possiede più di 50 ponti, oltre a un centro storico medievale, Gamla Stan, palazzi reali e musei come lo Skansen, che si sviluppa all'aperto. Wikipedia

Makode Linde: lo scandalo, il razzismo.

in #questibarbari/Arte/Svezia by

Linde ( classe 1981) è diventato famoso nel 2012 dopo una vicenda messa in risalto da mezzo mondo, proprio mezzo mondo nel resto, nella metà in cui ci troviamo noi,  Makode Linde è pressoché sconosciuto.

Il fatto è questo: il dj-artista, uscito indenne da una causa dove veniva accusato di aver colorato dei polli vivi per uno spettacolo di magia, nell’ambito di un evento al Moderna Museet a Stoccolma realizzò una torta che nominò Painful Cake (la torta del dolore) a forma della Venere nera di Willendorf , ma con la sua stessa testa completamente truccata a mo’ di Golliwog  (la caricatura steriotipata del babolotto nero dalle labbra rosse disegnata dall’illustratrice americana Florence Kate Upton).

La torta era un chiaro riferimento all’atroce mutilazione degli organi genitali femminili praticata in molti paesi africani, ma fin qui niente di strano.

Almeno sino a quando il primo pezzo di torta, con sembianze di una vagina, venne tagliato. La scena fu filmata con una videocamera e l’effetto venne amplificato dal fatto che la persona che tagliò il primo pezzo era il ministro della cultura svedese Lena Adelsohn Liljeroth .

Lo scandalo:

Alcuni definirono razzista la rappresentazione della torta come opera d’arte e l’evento venne segnalato all’Ombudsman (difensore civico parlamentare scandinavo) .

L’associazione afro-svedese chiese addirittura che il ministro della cultura si dimettesse.  Linde affermò di essere stato frainteso e spiegò che la torta simboleggiava, con l’atto di tagliare le parti del corpo della torta e mangiarli, il modo in cui i bianchi consumavano le persone di colore.

Alle nostre latitudini, nel “bel paese” per una cosa del genere anziché gridare allo scandalo si finirebbe per finire in televisione da Barbara D’Urso, figuriamoci le risate se al posto della Liljsteroth ci fosse stato Dario Franceschini. Nel paese del “BUNGA BUNGA”, l’isola dei famosi sarebbe stata l’unica vera condanna.

Ma in effetti, a vedere bene, nulla di scandaloso nell’operazione di Linde, genuinamente anti razzista contro gli steriotipi concettuali con i quali spesso dipingiamo gli stranieri soprattutto se di pelle nera.

Linde merita di essere citato come artista anche per altri suoi lavori, come quelli rappresentati alla mostra Afromatics XXL al Kungsträdgården Stockholm o per la “tappezzeria” con la quale ricoprì il Berns, un ristorante nel Berzeii Park di Stoccolma,  con espliciti organi genitali raffigurati.

Questa opera venne anche molto contestata e soggetta ad azioni vandaliche. Si, Linde merita di essere citato, se non altro per la sua capacità nel riportare alla luce la decadenza di quell’ideale social democratico e apparentemente aperto della tanto inneggiata Svezia.

Makode Linde grazie a quella torta ricevette un lancio incredibile per la sua carriera come la stessa ministra gli confidò ad un orecchio al momento del taglio ” questo momento per te sarà un punto di svolta”.

Nug. Elogio al vandalismo

in #questibarbari/Arte/Svezia by

Lo street artist che ha fatto incazzare la Svezia.

“È una mia supposizione ingenua, ma penso, che metà di tutti gli artisti visivi emergenti hanno, ad un certo punto, usato la strada come mezzo. Raggruppare tutti questi artisti come un movimento non ha senso. È vero che i graffiti / street art sono l’unico movimento artistico innegabile sin dalla pop art, ma dove l’atteggiamento urbano era un tempo unificatore, ora le idee e gli stili sono molto divisi.
È tempo di una direzione separata che chiamiamo Vandalismo astratto. ”
Niels Shoe Meulman

Così viene introdotto il manifesto sul vandalismo astratto di Nug (Magnus Gustafsson) lo street artist nichilista che ha fatto incazzare la Svezia.

Nug  si è fatto un nome dipingendo a spruzzo innumerevoli muri e treni. Da quando Nug ha iniziato a esporre il suo lavoro molto controverso nel 2009, in Svezia è stato sollevato un acceso dibattito. Alcuni critici d’arte non sono d’accordo con il suo approccio spontaneo, ma vandalico. Altri vedono il suo lavoro come un moderno action painting e lo descrivono come Pollock con una bomboletta spray. Nonostante questa controversia (o per questo), Nug espone e vende i suoi lavori in gallerie di tutto il mondo.

Il suo progetto di diploma, “Pissing territoriale”, riguarda la natura umana e l’istinto per la marcatura del territorio.
Un cortometraggio che descrive diverse persone, rese anonime da passamontagna neri, che spruzzano scarabocchi come vogliono e dove vogliono su le pareti di un edificio bianco abbandonato.
Nug sta semplicemente e intelligentemente infrangendo i confini tra l’arte astratta e il vandalismo.
Anche se i suoi lavori potrebbero non avere aspetti estetici rilevanti, sembrano quasi crudi e primitivi, dietro di essi si nascondono grandi concetti. Uno su tutti l’evidente tentativo di far risaltare le contraddizioni ben nascoste del modello svedese  rappresentato spesso come perfetto.

Le contraddizioni, però, sono dappertutto e dietro la patinatura con la quale spesso viene presentata la Svezia con NUG viene in discussione.

NUG su Wikipedia

 

Go to Top