Image Courtesy MAST
//

Land On Water: l’architettura fluttuante

Innalzamento delle acque? No problem, impareremo a galleggiare

Un team composto dall’architetto marittimo danese Mast, Hubert Rhomberg, amministratore delegato di Rhomberg Group, e lo studio di venture capital Fragile, hanno creato “Land on Water”, un sistema di costruzione modulare flat-pack per strutture a base d’acqua.

I moduli sono realizzati in plastica rinforzata e riciclata e possono essere utilizzati per creare case galleggianti, campeggi e persino saune.

3d architectural render illustration of wooden houses floating on a lake like an island
3d architectural render illustration of wooden houses floating on a lake like an island – Image courtesy of KVANT-1
Image courtesy MAST

Il progetto si ispira alla tecnica costruttiva del gabbione, che utilizza gabbie in rete riempite di macerie. In questo caso, le gabbie sono utilizzate per alloggiare ausili al galleggiamento per dare alla struttura la galleggiabilità necessaria per sostenere il peso dell’abitazione.

Image courtesy MAST

Secondo MAST, le fondamenta creano anche un habitat per pesci e crostacei e un punto di ancoraggio per molluschi e alghe.

I tradizionali materiali di fondazione come l’acciaio e il cemento sono comunemente trattati con vernici antivegetative tossiche, che possono danneggiare gli ecosistemi marini.

Mast suggerisce che Land on Water consentirà un nuovo tipo più ecologico di comunità galleggiante off-grid, un’alternativa alle grandi città galleggianti attualmente in fase di sviluppo.

I progettisti affermano di poter utilizzare plastica riciclata per costruire la maggior parte delle costruzioni che si trovano sull’acqua … E questo, su qualsiasi specchio d’acqua: mare, fiordo, laghi o fiumi. Land on Water è in definitiva una risposta concreta al progressivo innalzamento del livello del mare , e alle inondazioni urbane molto più frequenti degli ultimi anni. Nel prossimo futuro, e prima che certe città scompaiano sott’acqua, sarà necessario sviluppare e migliorare i metodi tradizionali di costruzione di questi spazi galleggianti, perché la domanda potrebbe aumentare!

Image courtesy MAST

 

 

Il team spiega che le soluzioni attuali, comprese le fondazioni in calcestruzzo riempite di polistirolo e pontoni di plastica, sono rigide, difficili da trasportare e molto insostenibili. Al contrario, Land on water promette una soluzione completamente nuova, sostenibile e molto flessibile. Per funzionare, il sistema sviluppato è sotto forma di semplici moduli realizzati in plastica riciclata rinforzata . Questi formano quindi le fondamenta di una struttura galleggiante, destinata a essere sicura per lo spazio costruito su di essa.

I moduli possono essere facilmente spostati e assemblati in molte configurazioni. Uno degli architetti spiega che “il sistema si ispira alla costruzione in gabbione, un’antica tecnologia che utilizza gabbie in rete riempite di macerie per creare fondazioni estremamente solide ed economiche” .

Nella configurazione Land on Water il concetto è ribaltato: le gabbie sono riempite con plastiche galleggianti recuperate localmente e sono loro a sostenere il peso della struttura… Il vantaggio è che il galleggiamento può essere regolato in qualsiasi momento!

 

 

L’altra buona notizia di questo sistema di costruzioni galleggianti è che contribuirà a limitare l’inquinamento sottomarino . Attualmente, gli enormi pilastri di acciaio o cemento affondati nelle acque sono ricoperti di vernice antivegetativa, lungi dall’essere ecologica e rilasciare tossine pericolose per la fauna e la flora sottomarina. Il Land On Water non avrebbe quindi bisogno di anti-inganno per resistere. Ma le fondazioni potrebbero anche costituire nuovi habitat per i pesci, oppure punti di ancoraggio per molluschi, crostacei e alghe! Concludono con questa frase:

La terra sull’acqua promette una soluzione resiliente e adattabile al clima”… Ed è una notizia piuttosto eccellente per il pianeta, non è vero?

Maggiori informazioni: mast.dk

The Barbarian

Mappatori e giardinieri dei giardini Urbani diffusi. Profilo del gUd | team

Latest from Architettura