/

Susumu Shingu – Breathing Earth

Breathing Earth è l'idea di un villaggio autosufficiente dal punto di vista energetico che funziona solo con le energie naturali del vento e del sole e dovrebbe fungere da luogo di incontro, come luogo di prove e spettacoli, per laboratori, progetti di ricerca e didattici nel campo di tensione tra arte e scienza. Susumu Shingu sta cercando un posto nel mondo per questo villaggio. È un progetto per incoraggiare le persone a pensare a come possiamo vivere in armonia con la natura e ridurre l'impatto sull'ambiente naturale.

Gli elementi costitutivi della realizzazione di Breathing Earth includono le campagne "Atelier nelle risaie" e "Genki-Nobori". Il primo mulino a vento progettato e costruito da Susumu Shingu sarà eretto nell'"Isola del Cucchiaio" nel Mar di Marmara nell'estate del 2013.

«Come artista, sono sempre stato vicino alla natura e mi sono occupato di come esprimere e tradurre le meraviglie della natura. Questo mi ha portato al mio progetto Breathing Earth. Persone di ogni provenienza diversa sono coinvolte in questo progetto. Tutti condividono la convinzione che il nostro pianeta sia un posto bellissimo che dobbiamo proteggere.

Volevo creare uno spazio in cui potessimo pensare e parlare insieme. È importante che questo spazio abbia carisma e attiri le persone. Ecco perché voglio organizzare lì eventi, teatro e simili. Per il centro ho progettato un edificio a volta circolare che può avere molte funzioni diverse. Può essere un laboratorio, uno studio d’artista, una sala espositiva, una sala da concerto. Vogliamo costruire lì mulini a vento, un nuovo tipo di mulino a vento che abbiamo progettato, un’opera d’arte che ha un proprio sistema di generazione di energia. Sarà un villaggio pieno di mulini a vento che genereranno tutta l’energia necessaria.»

Carovana del vento (2001-2002)

Negli anni 2000 e 2001, Susumu Shingu ha viaggiato in tutto il mondo con il suo progetto artistico “Wind Caravan – Observation of our Planet” – 21 sculture di vento autoportanti realizzate con aste di metallo leggero e tela, divise in sei, per lo più scarsamente popolate e dipendenti sui paesaggi troncati dell’approvvigionamento energetico: nelle risaie vicino a Sanda, dove Susumu Shingu ha il suo studio; sull’isola di Motukorea vicino alla Nuova Zelanda; all’Inari Ice Lake nel Circolo Polare Artico in Lapponia; a Tamdaght nel deserto roccioso marocchino; nella steppa mongola di Undur Dov e nelle dune di sabbia di Cumbuco vicino a Fortaleza in Brasile. Il progetto prevedeva workshop ed eventi culturali, ma anche la valutazione di dati scientifici in collaborazione con l’esperto eolico Dr. Izumi Ushiyama.

MONOLOCALE NELLE ROSE (giugno – settembre 2011)

Lo “studio nelle risaie” è stato deliberatamente associato a Breathing Earth. È stato un progetto in cui i bambini hanno giocato e imparato nelle risaie per quattro mesi, dal momento della semina al momento della raccolta del riso. Le sculture del vento di Susumu Shingu hanno posto le basi per i vari laboratori dei bambini, in cui, tra l’altro, sono stati progettati e realizzati Genki-Nobori.

GENKI NOBORI (2011 / 2012)

Dopo il devastante maremoto di Tohoku nel marzo 2011, che ha innescato il disastro di Fukushima, tra le altre cose, Susumu Shingu ha avviato il progetto artistico Genki-nobori. I Genki-nobori sono modifiche delle tradizionali bandiere e aquiloni della carpa giapponese dipinti e scritti per offrire un segno di speranza e incoraggiamento a coloro che sono stati colpiti dal disastro. Più di 500 persone in Giappone e all’estero hanno preso parte al primo progetto Genki-nobori, ad esempio il Kulturwerkstatt Bottrop in Germania. Sono seguiti numerosi altri workshop Genki-nobori in Giappone, principalmente in collaborazione con i musei d’arte locali.

“Credo che abbiamo un senso del nostro tempo come esseri umani, della nostra vita e un senso del ritmo incommensurabile della natura. Quando questi due ritmi sono in armonia tra loro, comprendiamo il valore della vita. Nel mio lavoro voglio esprimere le energie della natura, del vento, dell’acqua e della gravità. Le mie opere nascono in dialogo con la natura. Cerco di tradurre il messaggio della natura in movimento.«

“Rispetto al vento, penso che gli esseri umani siano creature fragili e di vita molto breve. Il vento stava già soffiando quando la terra è nata nello spazio dell’universo. Per me il vento è l’assoluto. Dopo tanti anni vissuti con il vento, questa è la cosa più importante che ho imparato da esso.«

»Penso che solo le persone siano fissate sulla propria vita. Cerchiamo un senso nella vita. Le farfalle potrebbero non morire mai, indipendentemente dalla loro durata. Forse la sua vita va avanti all’infinito. Può sembrare strano, ma penso che una vita sia collegata alla vita successiva. Solo gli esseri umani pensano in termini di “esistere” e “morire”. Le farfalle probabilmente non la pensano in questo modo. La vita che non finisce mai… Quando penso alla mia vita, penso che la vita finisca con la mia morte. Mi fa pensare che ciò che posso realizzare nella mia vita non ha importanza”.

»Tutto è nuovo ed eccitante dal punto di vista dei bambini. Man mano che invecchiamo, le cose diventano meno eccitanti, più ordinarie. Anche se non li capiamo, vediamo le cose come ordinarie. Viviamo semplicemente con le cose senza cercare di capirle. Ecco perché non voglio insegnare ai bambini come crescere, ma quanto è bello essere bambini.«

 

 

“Questo è il mio sogno. Se prendi sul serio i tuoi sogni, diventeranno realtà. Se non credi nei sogni, le cose da sogno non accadono.”

“Ho sentito una storia di minatori che portano un canarino in gabbia sottoterra. Se l’aria nella miniera è troppo inquinata, il canarino perde conoscenza. Questo avverte i minatori del pericolo. Negli ultimi decenni, la terra ha subito gravi danni. Sembra di vivere in una miniera di carbone. Forse dovrei essere un canarino, credo?

 

L’artista giapponese Susumu Shingu lavora da molti anni con il vento e l’acqua. Le sculture dell’ormai 75enne danno forma alle energie nascoste di questi elementi e ci aprono nuove prospettive. Il dialogo con la natura da cui scaturiscono continua con lo spettatore. Il vento che muove le sculture è lo stesso che sentiamo noi. Ti lasci trasportare da lui, lo assorbi, cambi in modi sempre nuovi e lo lasci andare avanti. Lo stesso Susumu Shingu sembra vivere questo principio con grande gioia, si meraviglia, si diverte e, anche all’età di 75 anni, ha conservato la fantasia e la curiosità che gli hanno fatto costruire avventurose macchine volanti da bambino.

Grandi architetti come Renzo Piano, con il quale Susumu ha instaurato una lunga amicizia e collaborazione, amano che le sue sculture ravvivino i loro edifici – l’Aeroporto di Kansai ne è un famoso esempio. I suoi lavori negli spazi pubblici di tutto il mondo fanno sostare i passanti, a Genova la scultura di Susumu per il 500° anniversario del viaggio di Colombo in America è da tempo diventata un punto di riferimento. I coreografi apprezzano le sue scenografie, i bambini amano i suoi libri fantasiosi e dipinti con maestria. Potrebbe essere descritto come un uomo del Rinascimento, impegnato nella diversità, nella ricerca della perfezione, nella meraviglia della vita e nel rispetto per le persone e l’ambiente.

La preoccupazione per lo stato del nostro pianeta e il profondo desiderio che le persone riscoprano altri principi della vita hanno inviato Susumu Shingu in un viaggio verso un nuovo obiettivo: “Breathing Earth”, un villaggio alimentato dalle fonti naturali di energia del vento e del sole diventa un luogo di ispirazione e di incontro, portato da una filosofia di consapevolezza. Insieme a sua moglie Yasuko, è sulla buona strada per trovare un posto dove realizzare il suo sogno e per convincere sponsor e partner quale contributo può dare l’arte allo sviluppo di un modo più sano di trattare con il nostro pianeta.

I viaggi portano a Matera, nell’Italia meridionale, ai cumuli battuti dal vento dell’area della Ruhr, a una piccola isola al largo di Istanbul. Susumu si ferma a Parigi per una mostra del suo lavoro; in Messico si ispira alle farfalle monarca per lavorare a un nuovo libro per bambini; con il liutaio in Giappone esplora la connessione tra il vento e la musica. Ha sede a Sanda, in Giappone; vive e lavora qui, circondato da una natura sempre nuova e stimolante e da innumerevoli piccole e grandi sculture. Qui continua a sviluppare il modello delle sue turbine eoliche silenziose a rotazione orizzontale e avvia progetti come “Atelier nelle risaie”, che riprende l’idea di “Breathing Earth” e la realizza a modo suo.

“Respirare la Terra”, dice Susumu Shingu, “riguarda meno un edificio o un villaggio. L’importante è quello che facciamo. Respirando la Terra, queste sono le nostre azioni, il nostro spirito”.

TERRA CHE RESPIRA: LA BIOGRAFIA DI SUSUMU SHINGU

LA BIOGRAFIA DI SUSUMU SHINGU



Nato nel 1937 a Osaka, in Giappone. Dopo aver completato gli studi artistici con una specializzazione in pittura ad olio presso l'Università delle Arti di Tokyo, Susumu Shingu è andato all'Accademia di Belle Arti di Roma con una borsa di studio del governo italiano, dove ha inizialmente proseguito gli studi di pittura ad olio con Franco Gentilini fino a quando il suo lavoro non si espanse alla scultura e alle sculture cinetiche. Ha tenuto la sua prima mostra di sculture cinetiche nel 1966 alla Galleria Blu di Milano. Nello stesso anno torna in Giappone. Da allora, Susumu Shingu ha creato opere e sculture in tutto il mondo che visualizzano le energie naturali del vento e dell'acqua attraverso il movimento e consentono nuove esperienze spaziali.

In collaborazione con importanti architetti – ha lavorato per molti anni a stretto contatto con Renzo Piano – sono state realizzate sensazionali sculture cinetiche come “Boundless Sky” per l'Aeroporto Internazionale del Kansai, che visualizzano le correnti d'aria nell'edificio del terminal di Piano in modo affascinante. Altre sue famose opere includono la "vela" alta 19 metri, che creò a Genova nel 1992 per il 500° anniversario del viaggio di Colombo in America. Inoltre, Susumu Shingu ha continuato a dedicarsi alla pittura, ha creato scenografie, disegni e libri per bambini e ha lavorato intensamente anche sul lato tecnico delle sue sculture del vento per renderle più efficienti nella generazione di energia, come nel progetto Breathing Earth .

Al più tardi con il suo progetto "Wind Caravan" (2000/2001), Susumu Shingu ha aperto un'altra dimensione al suo lavoro cercando consapevolmente il contatto e il coinvolgimento con le persone nei luoghi delle sue installazioni: in sei diversi paesaggi che caratterizzano la terra - dalle risaie del Giappone, passando per il Sahara e la Mongolia, fino al Circolo Polare Artico finlandese e in Brasile, ha esposto un totale di 21 sculture in stretta collaborazione con la popolazione locale. Nei diversi progetti relativi a "Breathing Earth", questo aspetto e l'aspetto dell'usabilità hanno acquisito ulteriore importanza. Susumu Shingu vive e lavora principalmente nel suo studio a Sanda nella prefettura giapponese di Hyogo.
Il sito web di Susumu Shingu all'indirizzo http://www.susumusingu.com

The Barbarian

Mappatori e giardinieri dei giardini Urbani diffusi. Profilo del gUd | team

Latest from Architettura