Una Serra intorno la casa per ricreare il clima mediterraneo

///

Marie Granmar e Charles Sacilotto vivono letteralmente in una bolla, isolati dal freddo e dall’asprezza delle intemperie, assaporando il meglio di ciò che la natura ha da offrire. La loro casa è costruita all’interno di una serra, che fornisce loro calore gratuito e cibo gratis in inverno.

A Stoccolma, in Svezia, dove l’inverno dura 9 mesi all’anno, è una risorsa enorme. La temperatura media a Stoccolma a gennaio è sotto lo zero. Ma entra nel “cortile” ribollito di Marie e Charles e sarai molto più caldo.

“Ad esempio, alla fine di gennaio fuori possono essere 28 ° F e al piano di sopra 20 ° F”, dice nel video qui sotto:
Una famiglia normale a Stoccolma accende la stufa verso la metà di settembre e non la spegne più fino a metà maggio o giù di lì, dice Marie.

La serra consente loro di ridurre il numero di mesi di cui hanno bisogno per riscaldare la loro casa da 9 a 6 mesi all’anno e riduce la quantità di energia che usano per farlo. L’eventuale calore supplementare di cui necessitano, non fornito dal sole, è fornito da una stufa a legna.

Marie dice di essere più o meno immune alla tristezza invernale che molti dei suoi amici sperimentano durante il freddo.
Pioggia o neve, può sedersi sul balcone o sulla terrazza sul tetto e guardare le stelle o qualsiasi scorcio di sole che riesce a cogliere.

Poi, durante le parti più calde dell’estate, il suo tetto di vetro si apre automaticamente quando raggiunge una certa temperatura, per far uscire il calore in modo che non diventi troppo caldo.

“In estate può fare caldo per alcuni giorni”, dice, “ma non è un vero problema perché apriamo le finestre e ci godiamo il caldo. Ci piace il sole! “

Il ritrovo preferito della famiglia è la terrazza sul tetto. Poiché hanno costruito un soffitto di vetro, non avevano più bisogno di un tetto, quindi lo hanno rimosso per creare un ampio spazio per prendere il sole, leggere, fare giardinaggio o giocare con il figlio su altalene e biciclette.

Oltre a mantenere i loro corpi più caldi, la serra mantiene anche le loro piante più calde .

L’iarea della serra è quasi il doppio di quella della casa, lasciando molto spazio per un giardino avvolgente. E poiché hanno creato un clima mediterraneo, la coppia coltiva prodotti che tipicamente non vengono coltivati ​​in Svezia, come fichi, uva, pomodori, cetrioli ed erbe aromatiche. Fuori dal vetro hanno ciliegi e meli.

“Coltivare le cose qui non è facile”, dice Marie nel video. “Abbiamo bisogno di tutta l’energia extra che possiamo ottenere.”

Oltre al calore gratuito, la coppia ha installato anche un sistema di raccolta dell’acqua piovana per l’acqua gratuita e un sistema di compostaggio che fornisce fertilizzante gratuito per le loro piante. Inoltre, le piante che prosperano nella loro casa restituiscono il favore purificando l’aria e fornendo più ossigeno. Inizia con un WC separatore di urina e utilizza centrifughe, cisterne, stagni e aiuole per filtrare le acque reflue e compostare i resti.

Per il futuro, la coppia sta lavorando alla progettazione di un sistema per catturare l’energia solare in eccesso durante l’estate e immagazzinarla per l’inverno.

“Se vuoi essere autosufficiente e non dipendere da sistemi più grandi, puoi avere questo e vivere ovunque tu voglia”, ha detto Marie.

“È tutta una filosofia di vita, usare la natura, il sole e l’acqua per vivere in un altro mondo”

Charles e Marie non sono i primi a costruire una casa-dentro-una-serra. La loro idea è stata ispirata dall’architetto svedese Bengt Warneche ha costruito la prima ” Naturhus “ (Nature House) a Stoccolma nel 1974:

 

The Barbarian

Mappatori e giardinieri dei giardini Urbani diffusi. Profilo del gUd | team

Cover
Previous Story

Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari a Parigi: il progetto di Gehry

Next Story

Rigenerazione in Polonia: Il progetto di Danzica, quali risultati?

Latest from Architettura

DAL BLOG DE LA CENTRALE DELL' ARTE 

Promotore ufficiale del progetto dei giardini Urbani diffusi
Sottoscrivi ora
close-link