Smart city : Smart People? Smetti di chiamarla “città intelligente”

in Appunti/Architettura by

Condividiamo un post apparso su “the Atlantic” riguardante il termine strautilizzato di Smart City.
Un tema caro a politici di nuova generazione e a quegli architetti che lo utilizzano senza alcun freno per, in definitiva, mascherare idee spesso poco creative.
Il termine Smart è spesso utilizzato accanto ad un’altra parola di moda, un sostantivo che dice tutto e spesso non vuol dire nulla: sostenibilità. Anche questo termine popolare tra i tecnici tecnocrati dell’architettura contemporanea.
Pensando a quando, dal cinquecento  sino agli inizi dell’ottocento, l’approccio degli architetti era sicuramente più sostenibile, basti pensare all’Alberti e al suo trattato  “De re aedificatoria” dove in soli cinque punti  definisce esaustivamente il concetto di sostenibilità, oggi il termine appare privo di un vero significato nonostante l’immenso numero di regole, a suo sostegno prodotte.
Di cosa quindi stiamo parlando?
Non certo della complessità di norme, del numero infinito di codicilli e articoli che rendono gli architetti dei semplici applicatori di normative, succubi, come dice Marc Augé, della dittatura del quotidiano lasciando ai margini la creatività e promuovendo l’intelligenza come unica via di salvezza.
Siamo sicuri di questo?
Siamo sicuri che la complessità di una città si possa racchiudere nelle griglie asfissianti fatte di regole e parametri? E per tanto definirla intelligente e sostenibile?

Buona lettura

Da un articolo originale su: https://www.theatlantic.com/
 

Il termine “città intelligente” è interessante ma non importante, perché nessuno lo definisce. “Smart” è un’elegante etichetta politica utilizzata da una moderna alleanza tra urbanisti di sinistra e industriali tecnologici. Ritenersi “furbo” è fare in modo che le persone del nimby e della forza di mercato sembrino stupide.

I devoti di Smart-city in tutto il mondo saranno d’accordo sul fatto che Londra sia particolarmente intelligente. Perché? Londra è un’enorme e sgraziata bestia, la cui vita urbana a ruota libera è in uno sconvolgente, irrazionale disordine. Londra è un vero e proprio disastro urbano, ma Londra ha alcune delle migliori conferenze internazionali sulle smart city.

Londra ha anche una grande burocrazia di gestione urbana che emette le vere parole d’ordine della smart city e ne ha persino inventato qualcuno. Il linguaggio di Smart City è sempre l’inglese del business globale, indipendentemente dalla città in cui ti trovi.

Quindi, se la grande vecchia Londra è intelligente, con i suoi vuoti grattacieli, le inquietanti videocamere CCTV e le fogne collegate con grasso animale, allora probabilmente non dovremo preoccuparci dei lustrini del muschio di Elon e della polvere di stelle dell’urbanismo digitale. Meglio reimmaginare l’imminente futuro urbano come uno specchio di Roma, quella “Città Eterna”, dove niente è mai stato fissato tecnicamente, ma tutto cambia continuamente in modo che tutto possa rimanere uguale.

Roma e Londra sono due immense bestioline di città che sono sopravvissute a millenni di entusiasti riformatori. Condividono un mondo in cui metà della popolazione vive già in città e un altro paio di miliardi sta arrivando in città. La popolazione sta invecchiando rapidamente, l’infrastruttura attuale deve crollare ed essere sostituita dalla sua stessa natura, e il disastro climatico sta prendendo il posto dei grandi incendi urbani, guerre ed epidemie del passato. Quelle sono le questioni urbane veramente importanti, noiose ma meritevoli.Le tecniche digitali che i fan delle smart-city adorano sono fragili e appariscenti, e alcune sono addirittura perniciose, ma saranno assolutamente utilizzate nelle città. Hanno già un patrimonio urbano. Quando si seppellisce la fibra ottica sotto i cordoli attorno alla città, si ottiene internet. Quando hai torri e smartphone, ottieni l’ubiquità portatile. Quando dividi uno smartphone nei suoi sensori, interruttori e piccole radio separate, ottieni l’internet delle cose.Queste noiose e importanti trasformazioni digitali si stanno insinuando in città da un paio di generazioni. A questo punto, sono praticamente tutto ciò che le popolazioni urbane possono ricordare come fare. Google, Apple, Facebook, Amazon, Baidu, Alibaba, Tencent: questi sono i veri titani industriali della nostra era. È così che le persone fanno soldi, è così che fanno la guerra, quindi, naturalmente, sarà così che faranno le città.Tuttavia, le città del futuro non saranno “intelligenti” o ben progettate, progettate in modo intelligente, giuste, pulite, giuste, ecologiche, sostenibili, sicure, salutari, economiche o resilienti. Non avranno nemmeno valori etici particolarmente elevati di libertà, uguaglianza o fraternità. La futura smart city sarà internet, il cloud mobile e un sacco di strani gadget incolla, distribuiti dal municipio, principalmente per rendere le città più attraenti per il capitale.
 
Ogni volta che ciò è fatto bene, aumenterà il potere morbido delle città più vigili e ambiziose e renderà i sindaci più eleggibili. Quando è sbagliato, assomiglierà molto agli aspetti negativi delle precedenti ondate di innovazione urbana, come ferrovie, elettrificazione, autostrade e oleodotti. Ci saranno anche una serie di effetti collaterali bizzarri e di tossici ricadute che nemmeno il più saggio urbanista potrebbe mai aspettarsi.
Queste città intelligenti non saranno un paradiso risolutore tanto curato come il nuovo quartier generale della Apple . Le città che promulgono e soffrono, questa nuova azione dinamica assomiglierà più o meno ad Amsterdam, Singapore, Tallinn, Dubai, Barcellona, ​​Los Angeles, Toronto, Shanghai, Sydney – e sì, Londra – per le semplici ragioni che sono quelle le persone che lo stanno già facendo. Ecco dove si trova.Immaginavo che il tempo fosse dalla parte dei fornitori di infrastrutture di Internet – che ci trovavamo in un mondo piatto di dati torrentisti e senza attriti. Potrebbe essere successo, ma non è stato abbastanza veloce; invece, l’attuale modello di business del marketing di sorveglianza è entrato in azione e con esso la consapevolezza che “le informazioni su di te vogliono essere libere di noi”.Questo silo-izing e il balcanizzazione digitale sono sinistri e ingiusti in molti modi, ma tende anche ad aggiungere carattere regionale. È piatta ed equa come un attico miliardario.Quest’anno, una miriade di città americane si è prostrata vilmente in Amazzonia nella speranza di vincere il suo secondo quartier generale promesso. Farebbero qualsiasi cosa per gli avanzi delle attività di spedizione di Amazon (anche se nessuno sa che tipo di lavoro Amazon è davvero promettente). Ciò ha anche chiarito, tuttavia, che il gioco su internet è stato pubblicato, e si tratta ancora di posizione, ubicazione e posizione. continua qui

Lascia un commento

Latest from Appunti

Go to Top