Robot Laputini a difesa dei giardini

//

Nel film giapponese Laputa: Castle in the sky, la nazione galleggiante dell’isola di Laputa era protetta da grandi robot umanoidi di notevole potenza e con braccia lunghissime che dalle spalle raggiungono il pavimento quando sono in piedi. Queste macchine da combattimento eranp disposti a guardi dei giardini e delle abitazioni di Laputa.
I loro corpi resistenti con grandi occhi forniti di raggi laser e le braccia costruite con materiale malleabile a tal punto da consentire loro di planare.

Avermo forse bisogno di essere sostituiti e difesi nel prossimo futuro da creature create, appunto, per salvaguardare noi e i nostri amati giardini.

Grazie a Karl Chu e Masatake Matsubara per la foto

 

Lo studio Ghibli Museum di Mitaka, in Giappone ne conserva una statua a grandezza naturale di un robot laputino, nella foto in costruzione.

Francesco De Rose

Architetto, designer e animatore de "lacentraledellarte.org".

Antonio Piccolo
Previous Story

Vivere all'aria aperta ed imparare dalla natura. L'eco-learnig

Next Story

L'ospedale Volante open source Carlo Ratti. CuraPOd

Latest from Arte

Nello studio di Mondrian

Il percorso umano, intellettuale e artistico del pittore olandese Mondrian, pioniere dell’astrattismo che, con Malevitch e

Ricevi le news 
the barbarian art network.

Just a gUd Blog
Sottoscrivi
Sottoscrivi ora
close-link