Concerto in quarantena, l’esperimento di Ikue Mori

/////

Numerose collaborazioni con i big della musica da Zorn a Frisell, Ribbot e tanti altri. una carriera importante prima come percussionista poi come musicista elettronica. Mori durante la quarantena ha partecipato al “The Quarantine Concert” proponendo un viaggio, una sua visione (nel video).

In questo periodo di isolamenti e coercizioni la musica è il veicolo necessario da concedersi per esplorare al meglio la nostra esistenza e della natura che ci circonda. Quello di Ikue Mori è un esempio suggestivo del potere che il suono, la musica ha nel travalicare qualunque confine. Chi si diletta nell’arte o nel bricolage non non apprezzare una colonna sonora al suo lavoro quotidiano come quella che ci propone l’artista giapponese. Ikue Mori tocca le corde giuste, aiuta alla concentrazione ci fa viaggiare nel suo paesaggio sonoro (soundscape). Buon Ascolto.

Altri brani con Ikue Mori su Youtube qui 
Il sito ufficiale qui

Chi è Ikue Mori?

Ikue Mori si è trasferita dalla sua città natale di Tokyo a New York nel 1977. Ha iniziato a suonare la batteria e presto ha formato la seminale NO WAVE band DNA, con i colleghi pionieri del noise Arto Lindsay e Tim Wright.
DNA godeva di uno status di culto leggendario, mentre creava una nuova marca di ritmi radicali e suoni dissonanti; alterando per sempre il volto della musica rock.

A metà degli anni ’80 Ikue iniziò ad impiegare drum machine nell’improbabile contesto della musica improvvisata. Sebbene limitata alla tecnologia standard fornita dalla drum machine, non ha mai forgiato il suo stile personale altamente sensibile.
Negli anni ’90 ha successivamente collaborato con numerosi improvvisatori negli Stati Uniti, in Europa e in Asia, pur continuando a produrre e registrare la propria musica.
1998, è stata invitata a esibirsi con l’Ensemble Modern come solista insieme a Zeena Parkins e al compositore Fred Frith, anche “Cento aspetti della luna” commissionato da Roulette / Mary Flagler Cary Charitable Trust.
Ikue ha vinto il Distinctive Award per la categoria Prix Ars Electronics Digital Music nel 99.

Nel 2000 Ikue ha iniziato a utilizzare il computer portatile per espandere il suo suono già caratteristico, ampliando così il suo raggio di espressione musicale. 2000 su commissione dell’ensemble KITCHEN, ha scritto e presentato in prima esecuzione il brano “Aphorism”
premiato anche con la Civitella Ranieri Foundation Fellowship.
2003 incaricato dalla RELACHE Ensemble di scrivere un pezzo per il film In the Street e presentato in anteprima a Philadelphia. Ha iniziato a lavorare con il visual suonato dalla musica dal 2004. Nel 2005 ha ricevuto la residenza Alphert / Ucross.
Ikue ha ricevuto una borsa di studio dalla Foundation for Contemporary Arts nel 2006. Nel 2007 la Tate Modern ha incaricato Ikue di creare una colonna sonora dal vivo per le proiezioni dei film muti di Maya Deren. Nel 2008 Ikue ha celebrato il suo trentesimo anno a New York e si è esibita alla Japan Society. I recenti commissari includono il Montalvo Arts Center e il programma radiofonico tedesco SWR e la fondazione Shajah Art negli Emirati Arabi Uniti. I gruppi di lavoro attuali includono MEPHISTA con Sylvie Courvoisier e Susie Ibarra, PHANTOM ORCHARD con Zeena Parkins, progetto con Koichi Makigami e vari ensemble di John Zorn.
Nuovo progetto duo Twindrums con YoshimiO
Nuovo progetto duo con Craig Taborn Highsmith e il nuovo ensemble Obelisk è stato il raunch 2017.

Stanford University, la School of the Art Institute di Chicago.

______________

The quarantine Concert è live qui – Partecipa

Il concerto è organizzato da Experimental Sound Studio

un’organizzazione senza scopo di lucro con sede a Chicago dedicata all’evoluzione artistica e all’esplorazione creativa del suono.

Fondato nel 1986 da Dawn e Lou Mallozzi, Eric Leonardson e Perry Venson, Experimental Sound Studio (ESS) occupa la sua sede di Edgewater dal 2006.

The Barbarian

Mappatori e giardinieri dei giardini Urbani diffusi. Profilo del gUd | team

Previous Story

L'arte nei processi di riqualificazione. 1 | Da dove siamo partiti

Next Story

Suzanne Simard le piante dialogano sottoterra attraverso un organismo complesso

Latest from #questibarbari

DAL BLOG DE LA CENTRALE DELL' ARTE 

Promotore ufficiale del progetto dei giardini Urbani diffusi
Sottoscrivi ora
close-link