"The Art of Banksy: Without Limits", viene presentato a Santiago all'inizio del suo tour nelle Americhe. (MARTIN BERNETTI/AFP)
///

“The Art of Banksy: Without Limits”

Il Cile sarà la prima tappa in America Latina per “The Art of Banksy: Without Limits” , la mostra non autorizzata che rende omaggio a Banksy, l’artista urbano che mantiene anonima la sua identità e che stupisce il mondo con i suoi graffiti e murales di strada.

A partire da mercoledì scorso, una tenda allestita presso il centro culturale Gabriela Mistral nel centro di Santiago ospiterà un’esposizione di oltre 160 opere , murales e sculture dell’enigmatico artista britannico che ha iniziato a dipingere graffiti negli anni ’90 in Inghilterra e ha esteso la sua arte di strada per diversi Paesi.

“Mi interessa come le persone se ne vanno (la mostra). Se dopo aver visto più di 160 sue opere c’è un cambio di chip nel tuo cervello. Se diventi più umano, se diventi più empatico , se rompi quella bolla di individualismo in cui vive la nostra società contemporanea” , ha detto all’AFP Guillermo Quintana, curatore e organizzatore della mostra per quattro anni .

Rispetto ad artisti della statura di Pablo Picasso o Andy Warhol , Banksy coglie nelle sue opere temi come i diritti degli animali, la migrazione, la politica, la critica alla corona inglese e, ultimamente, il coronavirus e la reclusione che il mondo ha vissuto durante la pandemia.

Penso che non importa se sei cileno, messicano, tedesco, giapponese, capiamo tutti il ​​messaggio di Banksy

La mostra presenterà dipinti originali di Banksy, come un tappeto “Benvenuto”, così come repliche di famosi murales, come un gruppo di piccioni con messaggi anti-immigrazione o il manifestante che lancia fiori.

CILE-ART-BANKSY

CILE-ART-BANKSY
Ci sono più di 160 opere che sono esposte da questa collezione. (MARTIN BERNETTI/AFP)

Per le repliche, ha avuto la collaborazione degli artisti Desastre dal Messico e Brookesia dalla Spagna, e ha anche reclutato la cilena Maida K e Antiza , “alla ricerca dell’uguaglianza di genere”, dice Quintana.

“Penso che non importi se sei cileno, messicano, tedesco, giapponese, capiamo tutti il ​​messaggio di Banksy”, ha detto il curatore.

La mostra presenta anche una riproduzione di una stazione della metropolitana di Londra, che immerge i visitatori nel mondo della street art di Banksy, l’opera “Pulp Fiction”, che ritrae le star del cinema Samuel L. Jackson e John Travolta che puntano banane invece di pistole, e immagini fisse di “Dismaland”, una critica ironica di Disneyland.

 

CILE-ART-BANKSY
Oltre a Santiago, la mostra visiterà Buenos Aires, San Paolo, Bogotá e Città del Messico. (MARTIN BERNETTI/AFP)

 

Quintana sostiene che il suo rapporto con Banksy è di “ammirazione”, anche se insinua che l’artista urbano “non ama” questo tipo di mostre e che la curiosità di sapere chi è “esiste ovunque e per molte cose”.“Chi è Banksy? A volte mi guardo allo specchio e posso esserlo, o vedo te e tu puoi esserlo, o vedo tutti voi e loro possono esserlo, per di più, penso che siamo tutti Banksy “, ha detto.

Dopo la sua tournée a Santiago, la mostra sarà allestita a Buenos Aires, San Paolo, Bogotá e Città del Messico.

Aricolo Orriginale su stigmatis.wordpress.com

 

The Barbarian

Mappatori e giardinieri dei giardini Urbani diffusi. Profilo del gUd | team

Latest from Appunti