/

Partire dalla terra per costruire la casa del futuro

Un’innovativa tecnica di biocostruzione è stata creata da un team di ricercatori dell’Università della Virginia e potrebbe alterare il modo in cui vengono create le strutture future. Il progetto, che è stato dettagliato nella rivista peer-reviewed “Additive Manufacturing”, mirava a combinare fisicamente natura e architettura come un passo verso tecniche di costruzione più rispettose dell’ambiente. Il risultato è una raccolta di strutture fiorite dal design intricato che sono state stampate in 3D da terreno e semi. Questi volumi possono molto probabilmente essere utilizzati come base per le case future se vengono ampliati su una scala più ampia.

Fotografia: Tom Daly tramite l’Università della Virginia

Ji Ma, assistente professore presso la School of Engineering and Applied Science dell’Università della Virginia, ha collaborato con il professore di ricerca David Carr del Dipartimento di scienze ambientali, l’assistente professore Ehsan Baharlou della School of Architecture e il suo studente Spencer Barnes per condurre l’esperimento .

Fotografia: Tom Daly tramite l’Università della Virginia

Le strutture sono state in grado di coltivare piante dopo numerosi cicli di test sulla combinazione di terreno, ma non piante qualsiasi. “Il suolo che è stato stampato in 3D tende a perdere acqua più rapidamente e mantiene la presa sull’acqua che ha”, afferma Ji Ma, “Dobbiamo includere piante che prosperano in aree più asciutte poiché la stampa 3D rende l’ambiente intorno alla pianta più secco. Lo sporco si compatta, motivo per cui riteniamo che sia così. Le bolle d’aria vengono espulse dall’ugello mentre il terreno viene forzato attraverso di esso. Il terreno trattiene l’acqua più saldamente man mano che le bolle d’aria vengono perse.

Ehsan Baharlou, Assistant Professor presso la Scuola di Architettura di UVA, Fotografia: Tom Daly tramite l’Università della Virginia

L’obiettivo finale è promuovere procedure che utilizzino biomateriali di provenienza locale per ridurre l’impronta di carbonio di un edificio. L’allontanamento dalle risorse tradizionali che non sono riciclabili, riutilizzabili o flessibili implica proprio questo. Pertanto, la bioedilizia apre le porte a soluzioni a basso costo, a basso consumo energetico e vantaggiose per l’ambiente nei settori dell’ingegneria e dell’architettura.

 

Articolo in inglese qui

The Barbarian

Mappatori e giardinieri dei giardini Urbani diffusi. Profilo del gUd | team

Latest from Architettura