//

Il Derzhprom di Kharkiv: il primo complesso di grattacieli d’Europa

Inaugurato nel 1928, questo capolavoro sovietico sottovalutato è stato un precursore del brutalismo, tre decenni prima che il termine fosse coniato

Di Owen Hatherley

Derzhprom, la House of State Industry, è un grande edificio governativo nel centro di Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina. È anche probabilmente l’edificio più interessante – e uno dei meno conosciuti – dell'”età eroica” dell’architettura moderna negli anni tra le due guerre.

Uno dei motivi per cui non è così famoso come potrebbe essere è che Kharkiv non è particolarmente famosa al di fuori dell’Ucraina; un altro perché gli architetti che lo hanno progettato non erano tra gli ideologi e le stelle teoriche del movimento moderno. Se fosse stato costruito a Berlino o Parigi, tuttavia, ne sapresti sicuramente tutto.

Al centro di una vasta piazza circolare si trovano tre grappoli di torri in cemento e vetro, la cui altezza varia da cinque a 10 piani. Sono simmetrici, ma puoi dirlo solo se ti trovi proprio nel mezzo del quadrato. Di per sé questi sarebbero già abbastanza impressionanti – uno skyline istantaneo di mini-grattacieli costruiti tutto in una volta – ma ciò che rende davvero Derzhprom interessante è la serie di ponti sospesi interconnessi tra ogni gruppo, che si estendono attraverso e fino a otto piani.

Ecco i motivi dell’architettura occidentale negli anni ’60: un’architettura angolare e ultra-metropolitana di ponti a volta e grattacieli a grappolo, inventata diversi decenni all’inizio dell’Ucraina orientale. Ecco il “brutalismo”, tre decenni prima che il termine fosse coniato. Dopo aver resistito a numerose oscillazioni dall’ucrainizzazione alla russificazione e ritorno, Derzhprom è sia dinamico che immobile

A volte l’edificio compare nei libri di storia, ma sempre come qualcosa capitata per caso. Di solito è screditato in base alla sua età, ai suoi architetti e alla sua funzione – a volte come edificio per uffici, a volte come fabbrica. La realtà è più drammatica.

Per comprendere la folle ambizione dell’edificio, la sua scala monumentale e la sua decisa elusione di qualsiasi riferimento storico o cliché, è necessario sapere che Kharkiv è stata la capitale dell ‘”Ucraina sovietica” dal 1919 al 1934. Città industriale, russofona, fu qui che i bolscevichi ucraini stabilirono la loro capitale dopo la rivolta nello stabilimento dell’Arsenale di Kiev fallita all’inizio del 1918, repressa dalla Repubblica popolare ucraina vagamente socialdemocratica che poi governò la città quando l’impero russo crollò.In un concorso pubblico nel 1925, fu accettato un piano presentato dall’architetto locale Viktor Trotsenko. 

Il centro governativo assumerebbe la forma di un circo penetrato da un enorme cuneo di spazio vuoto – ora chiamato Piazza della Libertà, la seconda piazza più grande d’Europa all’epoca della sua costruzione. Il team di Sergei Serafimov, Samuel Kravets e Mark Felger – oscuri giovani architetti accademici di Odessa e Vilnius – ha proposto di riempirlo con torri in un linguaggio moderno minimale e senza pretese, modellato maggiormente sullo stile delle vetrose ” fabbriche di luce del giorno ” di Detroit e i grattacieli interconnessi di Chicago , che su Le Corbusier o il Bauhaus.

Nel 1926 era in corso e fu terminato nel 1928 quando il comitato centrale della Repubblica Sovietica ucraina, i commissariati, le commissioni di pianificazione, varie imprese industriali, una biblioteca e persino un hotel furono opportunamente raggruppati nelle sue torri. Divenne il primo complesso di grattacieli in Europa e forse non sorprende che abbia avuto molti visitatori.

Mentre un gran numero di “turisti della rivoluzione” ha smesso di essere sbalordito da queste torri con la loro corsa di superfici in vetro – scale vetrate a tutta altezza a 10 piani e lunghe skyway fiancheggiate da finestre – l’avanguardia degli architetti sovietici, artisti del calibro di El Lissitzky o Ivan Leonidov, non pensavano che fosse andato abbastanza lontano. Ironia della sorte, i loro edifici non costruiti e non costruibili sono più famosi.

Il Derzhprom era inteso come l’edificio centrale, per così dire il Parlamento, di un intero paese, una funzione che divenne obsoleta in meno di un decennio dopo la sua costruzione.

In un concorso pubblico nel 1925, fu accettato un piano presentato dall’architetto locale Viktor Trotsenko. Il centro governativo assumerebbe la forma di un circo penetrato da un enorme cuneo di spazio vuoto – ora chiamato Piazza della Libertà, la seconda piazza più grande d’Europa all’epoca della sua costruzione. Il team di Sergei Serafimov, Samuel Kravets e Mark Felger – oscuri giovani architetti accademici di Odessa e Vilnius – ha proposto di riempirlo con torri in un linguaggio moderno minimale e senza pretese, modellato maggiormente sullo stile delle vetrose ” fabbriche di luce del giorno ” di Detroit e i grattacieli interconnessi di Chicago , che su Le Corbusier o il Bauhaus.

Nel 1926 era in corso e fu terminato nel 1928 quando il comitato centrale della Repubblica Sovietica ucraina, i commissariati, le commissioni di pianificazione, varie imprese industriali, una biblioteca e persino un hotel furono opportunamente raggruppati nelle sue torri. Divenne il primo complesso di grattacieli in Europa e forse non sorprende che abbia avuto molti visitatori.

Mentre un gran numero di “turisti della rivoluzione” ha smesso di essere sbalordito da queste torri con la loro corsa di superfici in vetro – scale vetrate a tutta altezza a 10 piani e lunghe skyway fiancheggiate da finestre – l’avanguardia degli architetti sovietici, artisti del calibro di El Lissitzky o Ivan Leonidov, non pensavano che fosse andato abbastanza lontano. Ironia della sorte, i loro edifici non costruiti e non costruibili sono più famosi.

The Barbarian

Mappatori e giardinieri dei giardini Urbani diffusi. Profilo del gUd | team

Latest from Architettura Digest