Nuova Zelanda, nuovo piano radicale di rizonizzazione

/

da https://www.theguardian.com/

La Nuova Zelanda ha adottato un piano di rizonizzazione radicale per tagliare i prezzi delle case: potrebbe funzionare in Australia?
I comuni non saranno in grado di bloccare case a schiera o appartamenti nell’ambito di una riforma radicale volta a migliorare l’accessibilità economica, ma funzionerà? E l’idea potrebbe attraversare la Tasmania?

Le città della Nuova Zelanda potrebbero essere rimodellate per i decenni a venire, costringendo il sogno a lungo radicato dell’isolato di un quarto di acro ai margini, dopo che il governo ha unito le forze con l’opposizione per approvare una legislazione radicale a favore della densificazione degli alloggi.

In una rara dimostrazione di collaborazione tra i partiti , Labour e National hanno approvato il disegno di legge sulla gestione delle risorse (Abilitare l’offerta abitativa e altre questioni), una politica che mira a contrastare l’espansione urbana incontrollata e aumentare l’offerta di un massimo di 105.000 nuove case nei prossimi otto anni da costringendo i comuni ad allentare le restrizioni sull’edilizia nelle aree urbane.

Cosa sta succedendo con gli alloggi in Nuova Zelanda?

Il paese è nel mezzo di una crisi abitativa da oltre un decennio, guidato da molteplici fattori tra cui una legge sulla pianificazione restrittiva, una mancanza di offerta di alloggi, un mercato degli investitori immobiliari incontrollato e un divario crescente tra reddito e costi abitativi.

L’anno scorso, il relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto a un alloggio adeguato, Leilani Farha, si è recato in visita in Nuova Zelanda e ha definito la situazione abitativa “una crisi dei diritti umani” e “un’ombra oscura che incombe sul Paese”.

L’ OCSE ha classificato la Nuova Zelanda al primo posto per alloggi a prezzi non accessibili per le sue famiglie più povere.

Il diritto urbanistico è stato a lungo criticato per essere restrittivo, ingombrante e lento. È in parte accusato di aver rallentato lo sviluppo abitativo, radicato abitazioni unifamiliari e creato espansione urbana incontrollata, che ha implicazioni per i trasporti, le infrastrutture e il cambiamento climatico.

In che modo questa legge aiuterà?

Costruire una casa standard a un piano in Nuova Zelanda comporta un sacco di scartoffie, ma provare a costruire uno sviluppo a più piani o più abitazioni potrebbe impegnare qualcuno in battaglie normative per mesi o anni, con grandi spese.

Leggi l’articolo completo originale qui

 

The Barbarian

Mappatori e giardinieri dei giardini Urbani diffusi. Profilo del gUd | team

Previous Story

Bifo, sulla polverizzazione del sapere, una lettera alla Centrale dell‘Arte

cinema-abbandonati-cinema-toscana-luoghi-abbandonati
Next Story

Le Città senza il Cinema ed il Teatro. Lo spettacolo è sospeso*

Latest from Architettura