M+, il Museo di Hong Kong progettato da Herzog e de Meuron sfida la Tate Gallery

Il Super Museo M+, Hong Kong ha voluto darsi un museo di livello mondiale, in un clima di crescente repressione. Il Progetto di Herzog e de Meuron

Il 12 novembre 2021 la collezione di arte cinese del collezionista svizzero Uli Sigg, dopo i lunghi mesi di lockdown, ha inaugurato l’apertura del museo. Uli Sigg  parla di tensione fino all’ultimo secondo, letteralmente fino alle dieci di venerdì mattina. Poi è arrivato il momento: ha aperto i battenti The M+, il museo con il quale la metropoli finanziaria di Hong Kong, a lungo vituperata come un deserto culturale, ha voluto salire anche qui ai vertici della classe mondiale: un nuovo museo  fondato per raggiungere i livelli di pari merito con il Moma di New York, con il Centre Pompidou di Parigi, con la Tate Gallery di Londra

«Whitewash» dell’artista cinese Ai Weiwei al M+ Museum in Hong Kong. Foto: AFP

Proprio nel mezzo, come base e come attestazione centrale della fama mondiale del museo, si trova la collezione di arte moderna cinese di Uli Sigg. Una collezione unica al mondo. Nella sotto lo sguardo freddo e senza emozioni di una delle famiglie “Bloodline” del pittore Zhang Xiaogang,  l’opera “Whitewash” di Ai Weiwei come la più grande installazione: un gruppo di vasi neolitici, in parte in pittura industriale bianca dell’artista immersa.

Questo è significativo perché un’opera di Ai Weiwei ha scatenato la tempesta all’inizio di quest’anno: una fotografia di lui che dà il dito alla Porta di Tienanmen a Pechino. Gli entusiasti amici di Pechino in città hanno accusato l’opera e l’artista di diffondere “odio contro la Cina”, e il Museo M+ e Uli Sigg sono stati presto messi in generale sospetto. Ma ora la situazione è cambiata nonostante Ai Weiwei non abbia mai chiesto scusa per il gesto.

Ai Weiwei alla Porta di Tienanmen a Pechino, la foto che ha fatto arrabbiare i Cinesi.  Foto: Ai Weiwei
Quindi ora le porte sono aperte, le code sono enormi, il sito web del museo è crollato dopo pochi minuti sotto l’assalto. Sigg dice: “Non potrebbe avere un aspetto migliore. Non so davvero come”.
Sigg è uno svizzero di tipo piuttosto sobrio, ma ora, alla fine di una lunga giornata, parla, udibilmente commosso, di persone “euforiche, emotive” in mezzo al museo: “Alcuni piangono”, dice. “Dicono: non c’è mai stato niente di simile a Hong Kong”.

“La prima prova è superata”. In realtà. Tuttavia, le circostanze politiche suggeriscono che questa prima prova sarà seguita da altre più difficili. L’odierna Hong Kong non è più la città di una volta.

L’architettura del museo

Il distretto culturale di West Kowloon si arricchisce con questo edificio firmato dallo studio Herzog & de Meuron che già ambisce a diventare un’icona architettonica e che concretizza un nuovo concetto di centro culturale che, come raccontano dallo studio, definire semplicemente museo sarebbe riduttivo.  M+ è infatti il primo spazio permanente dedicato alla cultura visiva contemporanea in Asia e all’archiviazione ed esposizione di arte visiva, design e architettura e arte in movimento del ventesimo e ventunesimo secolo.


All’interno, il corpo orizzontale è organizzato come la maglia di una città, con le gallerie espositive (ben trentatré) disposte su una griglia ortogonale che ha come origine una piazza centrale. Attorno a questo spazio si trovano gli scavi della linea ferroviaria che porta all’aeroporto e la Tung Chung Line, elementi che gli architetti hanno voluto includere nel progetto come uno “spazio ritrovato” che si presenta ai visitatori come una straordinaria opera di ingegneria. I diversi piani del podio, che ospitano tre cinema, una mediateca, dei centri di consultazione, musei e ristoranti, sono collegati visivamente da dei pozzi di luce che arriva al roof garden, un enorme e inaspettato spazio verde che permette di spostare le lezioni e i momenti di confronto all’aperto.

The Barbarian

Mappatori e giardinieri dei giardini Urbani diffusi. Profilo del gUd | team

Latest from Architettura